Modello 231

ACI Infomobility S.p.A. – Modello di Organizzazione di Gestione e di Controllo
(ex Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 e successive integrazioni e modificazioni)

 

Il Decreto Legislativo n. 231 del 2001 ha introdotto, per la prima volta nel nostro ordinamento, la responsabilità in sede penale degli enti che va ad aggiungersi a quella della persona fisica che ha realizzato materialmente il fatto illecito.

L’innovazione normativa riveste grande rilevanza, in quanto sancisce che l’ente è responsabile per i reati commessi dai propri vertici aziendali o anche da semplici dipendenti, purché questi abbiano agito nell’interesse o a vantaggio dell’ente medesimo.

ACI Infomobility, in ottemperanza al D. Lgs. 231/2001 e tenendo conto delle linee guida di Confindustria, ha deciso di dotarsi di un adeguato modello di organizzazione, gestione e controllo (Modello 231) che è stato approvato dal Consiglio di Amministrazione il 20.03.2014.

L’adozione di un modello di organizzazione, gestione e controllo è, per le Società, una facoltà e non un obbligo. ACI Infomobility ha deciso di dotarsi di un proprio Modello 231 anche perché ritiene che la sua adozione rafforzi l’immagine di correttezza e trasparenza alla quale si è sempre orientata l’attività aziendale, in linea con gli impegni dichiarati e assunti con il Codice Etico nei confronti degli stakeholder.

Il Consiglio di Amministrazione ha nominato l’Organismo di Vigilanza, a cui compete il ruolo di controllare l’adeguatezza e l’applicazione del modello stesso ed esplica la funzione di Garante del Codice Etico, e al quale può essere segnalata ogni violazione o sospetto di violazione del Modello 231. Il recapito dell’Organismo è:

Organismo di Vigilanza di ACI Infomobility S.p.A.
Via Stanislao Cannizzaro 83/A – 00156 Roma

e-mail: odv231acinfo@infomobility.aci.it

 

ACI Infomobility Modello di Organizzazione Gestione e Controllo-Parte Generale

I commenti sono chiusi